Chatter Box: Adam Sterry

Sterry ad una svolta nella sua carriera

· 4 tempo di lettura

The deal of the day on 24MX.

MX Vice Podcasts: HIMX

Adam Sterry è stato una delle stelle della gara Internazionale di Hawkstone. Il pilota del team F&H Racing Kawasaki è stato il più veloce nella prima sessione di prove ed è stato rallentato da un problema nella successiva. Cosa ha trasformato il pilota durante l'inverno? Sterry ne ha parlato nell'intervista esclusiva rilasciata a MX Vice.

MX Vice: Di solito arrivi a queste gare pre-campionato con un sacco di domande, ma ho la sensazione che questa volta non ne abbiamo nessuna da te. Oggi hai confermato che la preparazione invernale è andata bene e sembra che tutto sia super positivo.

Adam Sterry: Oggi è stata una giornata positiva. Non riesco a vedere cose negative. Solo un mio piccolo errore all'ultimo giro della manche conclusiva che mi ha fatto scivolare indietro nell'assoluta. Tre partenze al comando con una gara cancellata e sono quasi partito primo nella superfinale. Ho guidato bene e sono sempre stato veloce in ogni momento della gara. Non ho praticamente commesso errori e porto cone me solo sensazioni positive. 

Ti senti come se avessi guidato meglio rispetto agli anni scorsi? O è solo che finalmente sei al 100% della forma? Se non ti fossi infortunato l'anno scorso, avresti guidato così per tutta la stagione?  

Sono sempre stato veloce, ma gli errori mi hanno spesso rallentato. Questo è quello su cui abbiamo lavorato maggiormente con Marc [De Reuver]…evitare gli errori. Purtroppo dal 2016 sono  stato spesso infortunato. E' stato un incubo perché non sono mai riuscito ad allenarmi correttamente. Questo è stato il vero problema. Sto lavorando con Marc adesso ed è molto positivo. Vivo in Olanda che è il luogo perfetto per allenarsi. La moto va molto bene e devo ringraziare il team per questo. Hanno svolto davvero un grande lavoro che mi ha aiutato parecchio. Tutto ciò che mi è mancato l'anno scorso oltre alla salute.    

Dici che Marc ti ha aiutato a limitare gli errori. Come è stato possibile? E' un cosa mentale?Potresti insegnare ad altri il tuo segreto? 

Conosce un sacco di trucchi perché ha corso per tantissimi anni. Abbiamo apportato alcuni aggiustamenti alla moto, tipo la posizione del manubrio ed altre cose. Il metodo di allenamento settimanale punta a ridurre gli errori e raccogliamo i frutti di questo lavoro durante il weekend di gara. E' qualcosa su cui abbiamo lavorato molto e che sentivo fosse importante per migliorarmi ancora. Essere veloce non è mai stato un problema , ma lo sono sempre stati gli errori. Meno errori significano meno infortuni e avere la possibilità di essere al top della forma per tutto l'anno. 

Parlando della preparazione invernale, hai avuto qualche grattacapo? Qualcosa che ti ha preoccupato o tutto è andato sempre alla perfezione? 

No, tutto bene. Il tempo è sempre stato perfetto nel periodo che abbiamo passato in Spagna. Non abbiamo avuto nessun problema di sorta. Mi sono sbucciato una gamba ma è guarita girando in moto. Tutto bene. Sono molto fiducioso e voglio portarmi queste buone sensazioni fino in Argentina.

Cosa ci racconti dei cambiamenti fatti alla moto di cui ci hai parlato prima? Puoi essere più specifico? Scommetto che rispetto all'anno scorso avete migliorato il motore? State lavorando su quello? 

Si abbiamo migliorato il motore che ora è completamente differente. Come hai potuto vedere oggi sono sempre stato il più veloce in partenza. La mia moto sembra un missile. Credo che tutti si siano accorti di quanto è migliorato rispetto all'anno scorso. Grandi cambiamenti anche nel reparto sospensioni dopo il passaggio a KYB. Il settaggio è più duro ed il bilanciamento della moto è migliore. Insomma abbiamo migliorato su ogni fronte. 

Quello che abbiamo fatto vedere qua a Hawkstone oggi è veramente buono. Di solito sbagliavo qualcosa, cadevo o rompevo la moto ma oggi è andato tutto bene. Non me lo sarei aspettato prima della gara e sono felice per questo. 

Quali sono i tuoi piani prima dell'Argentina? C'è qualche settore su cui dovete lavorare ancora? 

Si qualcosa c'è. C'è sempre da migliorare perché non credo nella perfezione. Sono sicuro che Marc avrà segnato alcune cose di oggi su cui dovremo impegnarci durante gli allenamenti della prossima settimana. Il tempo è volato e siamo alla vigilia della gara in Argentina. Tra meno di due settimane avremmo già affrontato la prima qualifica. E' pazzesco. Devo solo rimanere sano e andare là. Il prossimo sarà il mio ultimo anno in MX2, voglio godermelo e vedere quali risultati ci porterà. 

Cosa ti aspetti da questa stagione? hai un obbiettivo in mente? Credo che salire sul podio sia il primo della lista? 

Tutti mi chiedono quali sono i miei obbiettivi stagionali. Ne ho molti, come finire per la prima volta sul podio e mi piacerebbe anche riuscire a vincere una gara. Onestamente non ci sto pensando tanto. Voglio solo impegnarmi al massimo e fare il meglio che posso. Poi vedremo quello che verrà. Se darò il massimo per tutto il campionato sarò soddisfatto di me e i risultati saranno una diretta conseguenza di questo.  

Intervista: Lewis Phillips | Immagine principale: Ray Archer

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!