Due chiacchiere con: Ben Watson

L'inglese ci parla del suo positivo weekend in Trentino

· 6 tempo di lettura

SUPER sconti sulle tende 24MX.

Ben Watson ha fatto buoni risultati nel Gran Premio del Trentino dopo un inizio di stagione consistente. Il settimo posto nella prima manche dopo una caduta, non lo ha messo particolarmente in luce ma è salito agli onori della cronaca con una rimonta impressionante, da diciassettesimo alla terza posizione,  nella seconda. Watson ammette onestamente che ci sono ancora cose su cui ha bisogno di lavorare, come traspare da questa esclusiva intervista per MX Vice, visto che ha ancora gli occhi puntati su di lui.

MX Vice: Ottima giornata. Un pò come nel 2018 quando finivi spesso quarto ma avresti meritato di andare sul podio. Avresti forse potuto finire secondo anche primo perché la tua velocità era molto buona nella seconda manche. Tutte cose positive, giusto.

Ben Watson:Si! Nel complesso, è stato un weekend positivo. Alcune piccole cose non sono andate come avrei voluto ma fa parte delle corse. È qualcosa che devi prendere di petto e imparare ad accettarlo. Sì, ieri è iniziato davvero bene. Nelle prime due sessioni sono stato veloce e avevo un ottimo feeling con la moto. Ero molto contento ma ho avuto un piccolo problema durante la sessione cronometrata. La moto si è surriscaldata ed è successo qualcosa con il sistema idraulico nella frizione. I meccanici pensavano di averlo risolto ma poi, sfortunatamente, si è ripresentato al secondo giro della gara di qualifica.

(ConwayMX)

È stato davvero difficile per me. Potrei tornare solo all'ottavo posto ma qui la posizione in partenza non è poi così importante. C'erano quindici cancelli da cui si poteva ottenere l'holeshot, quindi er davvero preoccupato. Dopo le prime due sessioni positive, è stato un finale di sabato deludente.  Stamattina ho fatto un buon warm-up ed avevo buone sensazioni. Mi stavo godendo ancora la pista. Nella prima manche e ho fatto una partenza diabolica. È la costante delle ultime settimane e sta diventando frustrante, ma ci stiamo lavorando.

Spero che ora, con questa pausa di cinque settimane, possiamo davvero concentrarci per migliorare  le partenze. Sono scattato bene nel gruppo e penso di essere stato quinto alla prima curva ma poi ho avuto uno stupido incidente cercando di sorpassare. Ho messo  l'anteriore in un pò di fango e basta. Mi sono ritrovato al nono posto e ho recuperato fine al settimo. Mi è dispiaciuto parecchio perché mi sentivo bene in sella.  Nella seconda gara ho avuto un inizio ancora peggiore. Credo di essere transitato diciassettesimo sulla linea di partenza dopo la prima curva.

Ho finito abbastanza bene e sono stato davvero contento della mia guida e di alcuni passaggi che ho fatto. E' stato davvero bello riprovare quelle sensazioni. È stato sicuramente il mio momento migliore in gara di questa stagione. Ero felice. È bello ora vivere questa lunga pausa sapendo che la mia velocità è ottima ma, ad essere onesti, non è mai stata una preoccupazione. So che posso farlo. Sono molto contento della mia guida anche se per un pò di tempo non ho raccolto i risultati che vorrei. Ora possiamo rimanere concentrati e goderci i risultati di questo fine settimana.

(ConwayMX)

Quella caduta all'inizio della prima gara, significa che stavi spingendo con troppa intensità? Hai lavorato su questo particolare? Significa che devi ridimensionare l'intensità all'inizio delle gare?

Durante gli allenamenti è più o meno quello che ho fatto. Sto solo provando ad andare più forte che posso. Tutto è stato vissuto intensamente durante la settimana. Questa settimana non ci siamo fermati neppure dieci minuti. Abbiamo sempre dato il massimo. Sicuramente i miei risultati sono migliorati perché credo che la mia velocità è arrivata ad un livello superiore.

Anche durante l'inverno, quando abbiamo fatto manche concentrandoci sulla tecnica delle, ho sentito che il mio passo era migliorato molto rispetto al 2018, molto di più di quanto feci nel passaggio dal 2017 al 2018. Ero davvero felice ma l'inizio della stagione non è andato proprio come mi aspettavo. Mi sentivo davvero bene ed ora sto gradualmente migliorando ogni fine settimana. Non vedo l'ora che arrivi il resto della stagione perché abbiamo ancora molta strada da fare.

Penso che ci siano stati sei o sette giri nella seconda manche in cui eri il più veloce in pista. Immagino che non sia stata una sorpresa per te. Come hai detto tu, durante gli allenamenti ti sei sentito che più di una sorpresa è stata una conferma per te.  

Esattamente. So che posso essere così veloce e l'ho dimostrato nelle sessioni a tempo di questo fine settimana. Ero secondo o terzo in ogni sessione cronometrata. Non è stata una sorpresa per me. So dove sono e dove vorrei arrivare ogni volta, ma ci sono ancora solo alcune cose che non sto facendo correttamente in questo momento per essere in grado di lottare con i primi tre per la vittoria . Nella pausa di cinque settimane ci concentreremo su quell'unica cosa, le partenze, perché in questo momento sono contento di come guido e non credo di dovermi impegnare tanto sulla velocità o sull'intensità.

(ConwayMX)

L'inizio delle gare è stato di nuovo molto positivo questo fine settimana. Penso che nella seconda manche ho rimontato dal diciassettesimo all'ottavo posto nel primo giro, una cosa che non riuscivo a fare l'anno scorso. Ci stiamo riuscendo. Mi sto concentrando sui miei punti carenti in questo momento: le partenze e superare i piloti che mi precedono un pò più velocemente. Vedremo. Spero  di essere in grado di farlo dopo le cinque settimane di pausa.

Sorprendentemente hai superato [Thomas Kjer] Olsen abbastanza velocemente. Penso che a due giri dalla fine avevi tre secondi e mezzo di distacco ma eri abbastanza veloce per raggiungerlo. Però sorpassarlo così rapidamente è una storia completamente diversa.

Si. Sono stato dietro ad Olsen per un bel pò. Vialle era davanti a noi, poi Olsen l'ha passato e l'ho visto andarsene via rapidamente. Ho pensato che avrei dovuto passare Vialle al più presto possibile perché altrimenti le mie possibilità di sorpassare Olsen sarebbero svanite. Sono riuscito a superare Vialle non appena Olsen lo ha superato e ha iniziato a scappare. A quel punto ho spinto al massimo e l'ho raggiunto abbastanza rapidamente.

All'ultimo giro, nella parte posteriore della pista l'ho puntato in curva ed ho provato a entrare. Ho preso il rettilineo con una buona velocità e l'ho passato definitivamente nella curva successiva. Sono stato aggressivo. Questo è uno dei miei punti deboli al momento. Ho preso solo quel piccolo rischio per fare un sorpasso. Ma è stato bello riuscirci all'ultimo giro e finire terzo.

ConwayMX%22%20align%3D%22center%22%20lightbox%3D%22on%22%20captionposition%3D%22left%22%20revealfx%3D%22off%22%20overlay_revealfx%3D%22off%22%5D">

image

WcMgcq

Finalmente! Questa è una grande cosa. Se dovessi dare delle percentuali, quanto è merito tuo e quanto della moto?

Onestamente, non lo so davvero. Nelle qualifiche al Matterley Basin sono partito bene, quindi penso che sia un pò merito di entrambi. Al momento non stiamo ancora lavorando insieme  perfettamente. Io devo essere molto preciso, poi la moto mi seguirà. Se sbaglio qualcosa sono sempre pronto a tornare indietro. Sento che dobbiamo lavorare per avere un rendimento più costante. In modalità gara non è sempre facile partire in maniera perfetta, come si può fare di solito in allenamento.

Non si riesce nemmeno a sentire la moto quando i giri del motore si alzano così devo guardare la luce sull'anteriore e concentrarmi su tante cose. In condizione di gara è difficile riuscire a farlo in maniera davvero perfetta. Ho sicuramente bisogno di lavorare su questi due fattori. L'anno scorso ho fatto delle ottime partenze. Ci sono riuscito in diverse occasioni anche quest'anno. Dobbiamo lavorarci, poi vedremo come vanno le cose.

Mi sembra che il tuo spunto iniziale subito fuori dal cancello sia sempre buono. Ogni volta che ti guardo uscire dal cancello in quel modo mi dico "Oh! Ci sta riuscendo!" Poi, nel l'istante successivo, vieni semplicemente inghiottito dal gruppo. Immagino che sia in parte dovuto al tuo peso. Guardando Jago [Geerts], [Jorge] Prado e [Tom] Vialle c'è una bella differenza rispetto a te.

Si. Io sono quasi ottanta chili. Salto fuori dal cancello davvero bene ma poi, appena tocco terra, mi sembra di non andare da nessuna parte. Ieri nella parte iniziale della partenza sono stato davvero veloce ma all'improvviso Vialle mi è passato davanti di traverso e non c'è stato più niente da fare.

Se non riesci a mettere subito il tuo manubrio davanti agli altri piloti tutto diventa molto più difficile. Non sto dicendo che la mia moto non sia abbastanza veloce o che io non sia abbastanza bravo, ma ,come ho detto, c'è ancora qualcosa non sta funzionando come dovrebbe in questo momento. Dobbiamo davvero capire per migliorare le mie partenze.

Intervista: Lewis Phillips | Immagine principale: ConwayMX

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!