Punto di vista: Antonio Cairoli

L'esclusiva intervista di Tony Cairoli al termine della gara di Mantova

· 5 tempo di lettura

MX Vice Podcasts dopo gara: MXGP della Lombardia

Le condizioni del Gran Premio di Lombardia, quinta prova del Campionato del Mondo FIM di Motocross 2019, sono state alquanto insidiose, eppure Antonio Cairoli non ha commesso nemmeno un errore in tutta la giornata. Un'altra doppietta, la terza in questa stagione, che lo ha aiutato anche ad estendere il suo vantaggio in classifica, portandolo a quaranta punti con tredici round rimasti da correre. È stata una giornata positiva per molte ragioni e le abbiamo discusse tutte in questa esclusiva intervista di MX Vice fatta domenica sera a Mantova.

MX Vice: era bagnato, era durissima ed ha piovuto tutto il giorno. Sarebbe potuto essere un disastro, invece tu hai fatto esattamente quello che dovevi fare. Sono sembrate due gare perfette.

Antonio Cairoli: Si, davvero. Ieri siamo arrivati a Mantova e la pista che abbiamo trovato non era davvero la pista che conosciamo. Era molto dura. In alcuni posti si poteva vedere il nero della gomma sul terreno, quindi non era proprio il tipo di Mantova che mi piace, ma abbiamo fatto una buona gara di qualifica e abbiamo finito primi per le partenze di oggi. Quando ci siamo svegliati questa mattina, la pista era davvero inondata dall'acqua. Abbiamo subito pensato che dovevamo partire bene, perché questa sarebbe stata la chiave della gara.

(ConwayMX)

Abbiamo lavorato e abbiamo trovato un buon set-up e un buon passo e anche una buona partenza. Ho guidato bene in entrambe le manche. Ero felice della velocità. Ero felice di come sono riuscito a ottenere l'holeshot entrambe le volte. Nessun errore in entrambe le manche, quando era molto, molto facile commettere un errore. La pista era molto, molto difficile. Penso che non mi sia capitato spesso nella mia vita di guidare su una pista così dissestata come quella di oggi. Penso che possiamo essere felici di tutto.

Tornando alla partenza di oggi, penso di averti visto provare la Goggle Lane nel warm up. Avevi un piano in atto, nel caso avessi fatto una brutta partenza e avessi dovuto usarla durante le manche?

Sì, certamente. Ora abbiamo questa opzione e possiamo usare questa corsia. Abbiamo giusto fatto un rapido controllo per vedere come sarebbe potuta andare. Fortunatamente, non abbiamo avuto bisogno di questo cambio. Ho avuto una visione perfetta entrambe le manche. Ero davanti, quindi non ho avuto problemi con gli occhiali. Devi essere sempre preparato per tutto quando la pista è così e il tempo è così brutto.

Ogni volta che viene introdotto qualcosa di nuovo, non si sa mai come andrà a finire, ma in base alle  prove nel warm up, sembrava che la Goggle Lane fosse una buona cosa, perché hai fatto il cambio abbastanza velocemente.

Si. Abbiamo fato una scommessa con Jorge [Prado] e ci ha provato anche lui; ce l'ha fatta in venti secondi o qualcosa del genere. Io l'ho fatto in molto meno tempo. Era come un gioco e lui ha perso. Ha spento la moto in realtà, ma oggi era meglio essere preparati per quando succedesse qualcosa di simile. Entrando nella corsia dei box con un sacco di gente che attraversa e questo e quello, è un po' complicato e penso che questa Goggle Lane sia abbastanza buona. Non c'è niente di sbagliato nell'averla. Penso che sia un bel posto in cui puoi entrare e uscire e cambiare la tua maschera, quindi è una buona cosa.

(ConwayMX)

È passato molto tempo dal Trentino, cinque settimane, e tu sei uno dei pochi piloti che non disputa un campionato nazionale. Hai trovato un po' difficile riprendere il ritmo questo fine settimana, con l'intensità e tutto il resto?

Ieri il ritmo era piuttosto difficile, perché la pista era facile in alcuni punti. Molto insidioso, ma piatto. Abbiamo dovuto spingere molto. Oggi è stato più semplice in qualche modo, fisicamente, perché dovevi guidare liscio e pulito senza commettere errori. Per questo, non abbiamo davvero sentito la differenza. In alcuni casi, a volte è meglio avere delle gare con le quali è possibile allenarsi e fare anche un po' di partenze. Non essere dietro il cancello a lungo non è facile, ma ci siamo riusciti. Abbiamo avuto fortuna che il tempo fosse così oggi. Dovevamo essere più tecnici piuttosto che attaccare tutto il tempo.

Non sono sicuro che sarai d'accordo o no, ma ho pensato che la gara di qualifica di ieri è stata la tua migliore gara per tutto l'anno. Prima di oggi, ad ogni modo. Anche se eri in testa e avevi un margine comodo, continuavi a spingere continuamente e facevi segnare costantemente i migliori giri e i migliori settori. Sembrava che niente ti avrebbe fermato.

Si. Ho avuto una bella pausa in queste cinque settimane. Con Jorge abbiamo potuto spingere in allenamento anche. Guidiamo sempre insieme, lui è sempre fuori di testa. Questo mi sta aiutando, perché non sono propriamente allenamenti tranquilli. Spingiamo sempre, perché lui spinge, quindi ho bisogno di essere sempre pronto. É una cosa buona. È come una gara, tutto il tempo. Sembra che non abbiamo mai perso il ritmo di gara in queste cinque settimane.

(ConwayMX)

Una cosa di cui non penso nessuno abbia parlato è che in Trentino, è che l'ultima volta che ti abbiamo visto, stavi zoppicando un po'. Avevi sbattuto la caviglia abbastanza forte nella seconda manche, hai dovuto fare una pausa? Immagino che ora vada tutto bene.

Si. Sono stato fermo per dieci giorni con il ginocchio e ancora non mi sento al cento per cento, ma penso che sia più un problema di età che di sicuro lo rende un po' peggio. Ho bisogno di tempo per scaldarmi al mattino con questo ginocchio. Spero di poter finire tutta la stagione senza problemi e senza la necessità di usare materiale medico. Penso che andrà bene.

Finalmente, la grande pausa è nello specchietto retrovisore. La stagione inizia ora. Tre gare di fila, poi altre tre. Sei eccitato all'idea di riprendere?

Sì, certamente. Tre gare ora. Mantova è una bella pista. Mi piace davvero questa gara. Anche in Portogallo [Agueda] c'è una pista che mi piace molto. La Francia [St. Jean d'Angely] non è una dele mie preferite, ma possiamo provare a renderlo piacevole. Vedremo. È più bello correre e gareggiare che rimanere sempre a casa ad aspettare la prossima gara.

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: ConwayMX

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!