Chatter Box: Jorge Prado

Lo spagnolo ci parla della sua gara di Mantova

· 5 tempo di lettura

Podcasts post-gara di MXVice: MXGP of Lombardia

Jorge Prado ha dominato il Gran Premio della Lombardia nel fine settimana e non è una sorpresa. Sembra che, a prescindere dalle condizioni, stia dominando il campionato. La maggior parte degli appassionati sarebbe d'accordo su questo e si potrebbe pensare che Prado abbia completa fiducia in se stesso. Tenendo presente questo è stato interessante sapere che il circuito di Mantova lo ha fatto intimorito abbastanza prima del via di gara uno. Ci sono spunti anche più interessanti nell'esclusiva intervista di MX Vice che potete leggere qua di seguito.

MX Vice: Le condizioni lo hanno reso le gare interessanti oggi. Qualcosa avrebbe potuto andare storto ma, ancora una volta, è andato tutto bene. Un'altra doppietta e un'ennesima giornata perfetta.

Jorge Prado: Sì, confermo quello che hai detto. Quando mi sono svegliato stamattina ho visto che pioveva. Sapevamo già da ieri che avrebbe piovere e avrebbe continuato per tutto il giorno. La scorsa notte ha diluviato. Mi sono svegliato e la prima cosa che mi è venuta in mente è che oggi poteva essere una lotteria. La partenza è stata la chiave di tutto. Se hai fatto una buona partenza e non sei caduto…rimanere in piedi è stato difficile questo fine settimana. C'erano molti canali negli atterraggi e se ti ci fermi dentro è semplice perdere l'equilibrio.

(ConwayMX)

La cosa principale era partire bene. Ero concentrato al massimo su questo. Fare due buone partenze e non cadere. E' stata una giornata difficile perché era molto importante anche rimanere sempre concentrati.  È stato difficile mantenere la concentrazione per trentacinque minuti con tutti i solchi, i sobbalzi e i piccoli errori che si fanno durante un giro. Ma è stato un grande fine settimana!

Hai passato qualche momento delicato in pista? Ne ho visto solo uno mentre passavi a fianco della corsia dei box. Sei quasi caduto a lato della pista. E' successo qualcos'altro?

Quello era uno. Penso ce ne sia stato un altro nel secondo o terzo giro quando ho sorpassato Tom [Vialle]e poi a tre giri dalla fine nella seconda manche sono caduto. Avevo circa sedici o diciassette secondi di vantaggio, mi sentivo bene e pensavo di poter tirare i remi in barca. Ho fatto le wave abbastanza bene durante la manche ma sono uscito male nell'ultima e mi è partita la moto dietro.

Non riuscivo a tenerla così sono caduto ma mi sono rialzato piuttosto velocemente. La moto è ripartita immediatamente. Sono passati tre giri e mi sono detto "Non perdere adesso! È fatta!" L'ho fatto per trenta minuti. È stato bello ed ho capito che avevo bisogno di avere ancora quel vantaggio anche negli ultimi giri della seconda manche.

Sembra sia stata un caduta importante. E' stata così brutta? 

No, non è stata cosi grave, altrimenti non avrei finito la gara. La moto mi è passata di lato e  l'ho fatta scivolare, quindi è andata bene. Ho preso la moto ed era tutto a posto. Solo i guanti erano molto sporchi e negli ultimi due giri la mano destra scivolava. È stato bello.

(ConwayMX)

Cosa pensi delle condizioni di questo weekend? Ovviamente si trattava di una pista difficile ed avrebbe potuto essere come in Indonesia due anni fa, ma con la sabbia non era così pesante. C'era una sola linea, tecnica e piena di canali profondi.

Era così anche ieri. Ho corso qui per  gli Internazionali d'Italia e pioveva. Era brutta ma avevamo linee diverse. Ieri … non lo so. Davvero non mi sono piaciuti i cambiamenti che hanno fatto. Hanno fatto fuori molti ostacoli e monotraiettoria. Quando ho corso qui a febbraio era completamente diverso. Molti solchi e canali profondi. Era inverno ma  avevi a disposizione diverse opzioni. Questo fine settimana mi sembrava che non si potesse passare da nessuna parte.

Probabilmente è un problema di preparazione. Alcune curve erano molto strette e spezzavano troppo la velocità. Non penso che nessun pilota abbia apprezzato la pista sabato. Oggi era cosa completamente diversa perché nonostante tutta la pioggia era dura. Mi è piaciuta, ad esempio, nella seconda manche. Stava diventando un pò più asciutta. I canali erano migliori ma la pista era troppo tortuosa. I canali erano lunghi e con tante buche. È stata dura.

Parlando di pista e opzioni, hai mai pensato di utilizzare la Goggle Lane? Eri davanti  ma avevi un piano per utilizzarla?

Si certo. La Goggle Lane è fantastica. Puoi arrivare lì, cambiare velocemente gli occhiali e tornare subito in pista. È una grande novità che hanno introdotto quest'anno. Sono molto felice che i piloti possano sfruttare la goggle lane per cambiare la maschera ed è più sicuro. Non sei in mezzo alla pista o nei box tra i meccanici, quindi è meno rischioso. Puoi entrare ed uscire velocemente.

(ConwayMX)

Confrontando questa stagione e la scorsa descrivi le tue sensazione prima di affrontare e mentre sei in gara. Hai vinto un sacco di GP l'anno scorso, soprattutto a fine anno, e per ora stai facendo lo stesso, ma sembra che sia diventato tutto molto più facile per te. Sei semplicemente più rilassato? Ti sembra più facile?

Non proprio. In realtà durante questo fine settimana ero abbastanza nervoso ma sapevo che la partenza era importante. Volevo fare bene. L'anno scorso ho fatto abbastanza bene nelle gare bagnate ma due anni facevo molta fatica nel fango. Mi tornate in mente queste cose quindi ho pensato "Sarà dura". Mi sentivo comunque bene. Sono migliorato così tanto negli ultimi due anni che mi sento a mio agio in ogni condizione.

Come ho detto, la partenza è stata la chiave della gara oltre a girare pulito. Ero piuttosto nervoso questo fine settimana perché volevo fare una buona gara e non è sempre facile. È difficile farlo su una pista come questa. Puoi scegliere qualsiasi linea per sorpassare altrimenti vai nel fango o nell'acqua e ti muovi lateralmente. È pericoloso. Quest'anno ho anche fatto un passo in avanti rispetto all'anno scorso. Mi sto allenando molto duramente con Tony [Cairoli]. Stiamo facendo passi in avanti ogni settimana.

Un altro aspetto positivo è che ora sei a soli sette punti dalla tabella rossa. Ci sei riuscito  abbastanza rapidamente considerando dove eri un mese fa.

Si. Sono arrivato a questo round con venti punti di svantaggio, ne ho recuperati tredici, ed ora sono a meno sette dalla vetta. Sono molto felice di questo. Spero di fare due belle gare in Portogallo senza commettere errori. La stagione è lunga e spero di tornare in possesso della tabella rossa il  prima possibile, perché mi sento meglio quando la vedo sulla mia moto [ride].

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: ConwayMX

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!