Discussione: Jorge Prado

Lo spagnolo parla del suo GP Portoghese

· 4 tempo di lettura
 Il Podcast di MX Vice: MXGP del Portgallo

Nuova Super Offerta della Settimana 24MX!

Esaminando i risultati del sesto round del Mondiale Motocross 2019 sembra che sia normale  per Jorge Prado vincere a fare una gara pulita senza problemi. In questa occasione però i suoi avversari gli erano molto più vicini del solito e soprattutto nella gara di qualifica del sabato Henry Jacobi gli ha dato del filo da torcere. Prado era sicuro di salire sul primo gradino del podio dopo la qualifica? Glielo abbiamo chiesto in questa esclusiva intervista per MX Vice.

MX Vice: Un'altra doppietta. Ne hai fatte molte ma questo fine settimana non hai dominato come al solito. Durante la gara come stavi? Hai avuto qualche sensazione particolare?

Jorge Prado: E' stato un ottimo weekend. Sabato mi sentivo bene. E' stato divertente battagliare con gli altri piloti perché di solito partono bene e riesco ad avere un certo vantaggio che mi fa stare più tranquillo, ma sabato è stato differente. Ho dovuto lottare. Oggi stavo bene durante il warm up. Ho provato a tirare in una giro ed ho ottenuto immediatamente il miglior tempo. Le sensazioni erano buone. Nella prima manche sono partito in maniera perfetta ed ho provato ad andarmene. La gara, anche non lo è mai veramente, è stata facile e avevo un buon passo. Non mi sono stancato e guidavo bene. La seconda manche è stata più dura.  

(ConwayMX)

Sono partito al comando poi nella prima discesa, quella con la doppia traiettoria, sono stato all'interno ed era pieno di fango. Mi sono leggermente impiantato e [Mitchell] Evans, che era completamente all'esterno, mi ha sorpassato. Mi son detto "Wow, chi è quello che sta passando all'esterno? E' un pilota Honda? E' Evans!". Stava spingendo al massimo e non me lo aspettavo così veloce. E' un ottimo pilota e stava guidando benissimo. Vederlo da dietro era uno spettacolo. Ho capito che dovevo passarlo velocemente perché altri piloti ci stavano raggiungendo. Dovevo vincere gara due per prendermi la tabella rossa. Ci ho provato ed ho commesso un paio di errori ma sono riuscito ugualmente a tenere un buon ritmo.  

Stavamo guidando molto velocemente, spingendo in ogni giro e per tutta la durata della gara. Non abbiamo mai mollato. Sono ben allenato e non ho avuto cali fino alla fine. I piloti alle nostre spalle dopo cinque minuti erano già tagliati fuori dai giochi. Ho tirato il fiato per circa tre giri perché sapevo che sarebbe stata la mossa giusta per portare a casa la vittoria, che era la cosa più importante. Sono felice di aver ripreso la tabella rossa perché in questo momento mi sento più rilassato.  Ogni weekend avevo fretta di riuscirci. Mi ripetevo "Ho bisogno di averla, ho bisogno di averla." Ora che ci sono riuscito penso che sia bello e posso guardare avanti con più tranquillità. 

(ConwayMX)

Tornando alla qualifica di ieri, deve essere stato frustrante. Sei rimasto alle spalle di [Henry] Jacobi per tutta la e credo che avresti provato a passarlo all'ultima curva. Nove giri consecutivi ed alla fine niente.  

No, ma è stato divertente.Mi son preso delle belle sassate e altro. Non mi piaceva ma mi è piaciuta parecchio lottare con lui. Stava dando il massimo ed io facevo lo stesso. Ho anche imparato molto quando l'ho superato e lui mi ha ripreso due volte. Ho pensato che avrei dovuto inventarmi qualcosa per riuscirci. E' stata una manche di qualifica stupenda. 

Pensi che questo fine settimana siete rimasti così vicino perché la pista era abbastanza facile e non molto tecnica? 

Come negli anni scorsi, questa è una pista sulla quale devi spingere al massimo per tutta la durata della gara. Non puoi mai rilassarti. Devi essere veloce in ogni giro se vuoi avvantaggiarti. Stavamo tutti dando il massimo. In questa pista è difficile fare la differenza. Nella seconda manche l'hanno bagnata parecchio. Probabilmente era possibile provare ad andare fuga solo nei primi giri. E' un tracciato difficile ma quando si è asciugato è diventato impossibile scappare. La pista è divertente e forse l'hanno scorso era leggermente più semplice perché c'erano dei canali. Mi era piaciuta di più perché era più adatta al mio stile, ma quest'anno sono stato costretto a dare il massimo per tutto il weekend.

(ConwayMX)

Stamattina nel warm up, come ci hai raccontato, sei uscito ed hai ottenuto subito il miglior tempo. A quel punto ti sarai detto  "Okay, Va bene. Anche oggi andrà come al solito." Hai fatto qualche cambiamento sabato notte?  

No. Zero. Di solito non facciamo cambiamenti quando tutto funziona bene. Non abbiamo bisogno di cambiare. Sabato andava tutto bene, cambiare non era necessario.  Abbiamo un ottimo set-up che va bene per tutta la stagione. Siamo più concentrati su me stesso ed io ieri stavo molto bene. L'importante è che tutto sia al posto giusto. Fare una buona partenza, che è sempre importante, prendere il comando e mantenerlo fino all'arrivo.  

Ogni volta che veniamo in quest pista, dopo le wave hai sempre fatto un incredibile salto giù dalla discesa. L'hai fatto anche quest'anno? 

Sto invecchiando e non faccio più queste pazzie [ride]. Sto scherzando. L'ho visto ma ogni anno dò un'occhiata alla pista al venerdì e mi dico "E' più difficile o è lo stesso?" Penso sia ancora possibile perché l'ho fatto, ma una volta salito in sella mi son detto "Perché rischiare?" Forse due anni fà mi piaceva di più rischiare mentre adesso prima di provarci mi chiedo se mi serve davvero farlo. A quel punto capisco che è meglio evitare. Potrebbe servire se dovessi compensare del tempo perso in altri punti della pista.  

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: ConwayMX

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!