Punto di Vista: Arnaud Tonus

L'intervista con Arnaud Tonus dopo il suo secondo podio consecutivo

· 3 tempo di lettura

L'offerta della settimana su 24MX!

MX Vice Podcast: MXGP di Francia

Arnaud Tonus ha avuto un inizio del Campionato del Mondo FIM di Motocross 2019 orribile, in quanto non ha semplicemente mettere insieme due manche. Questo fatto rende ancora più impressionante il suo recente miglioramento, visto che ha messo insieme una serie di piazzamenti al terzo posto e aggiunto altri due viaggi sul podio della classe regina alla sua lista di successi. Cosa ha contribuito a questo drastico cambiamento? Tutto è spiegato in questa esclusiva intervista ad MX Vice.

MX Vice: All'improvviso sembri un ragazzo diverso. Stai inchiodando ogni partenza e ogni giro. Sembra che tu ora stia ad un altro livello, sia con la tua guida che con la tua sicurezza. Quando è stata l'ultima volta che ti sei sentito così bene?

Arnaud Tonus: Penso che l'ultima volta che mi sono sentito bene è stato nel 2014, quando ero costantemente sul podio e mi sentivo come se fossi in quel flusso. È passato molto tempo. Sono molto contento. Sono grato per tutto. Continuerò a cercare di mantenere le cose così.

(ConwayMX)

Sembrava un weekend perfetto. Qualcosa è andato storto in realtà? C'era qualcosa con cui hai lottato? O corri e basta?

Sì, solo pietre. Sono stato colpito da una grossa pietra nella seconda manche, un grande impatto qui [petto]. E' stato doloroso, ma immagino che tutti abbiano affrontato questo tipo di problema questo fine settimana. Ho avuto una buona partenza e, come hai detto tu, tutto ha funzionato abbastanza bene. Sono così felice. Mi piacciono quei momenti. In attesa del prossimo GP.

Eri in un'ottima posizione ogni volta. C'è un po' di delusione nel non aver ottenuto la vittoria? Hai pensato a un certo punto che forse potevi farcela?

Ho solo pensato a passare Romain [Febvre]. Ci ho provato a durante le manche. Era più veloce in alcune parti e io andavo meglio in altre, ma per un momento ho sentito che potessi fare anche delle manche solide. Non ho rischiato troppo. Il mio obiettivo era di superarlo, certo, ma per il resto era solido. E' stato bello guidare. La velocità c'era. Mi sono divertito in moto. È super cool La folla era lì, perché Romain era di fronte a me. Mi sentivo come se avessi preso quell'energia dalla folla. Anche se non ero io, è stato bello. Sembravano pompati, quindi sono passato attraverso. È stato bello.

Due podi di fila. La settimana scorsa era ovvio quanto significasse per te. Questo significa ancora di più ora? Farlo una volta è fantastico. Farlo due volte di seguito è come dire che tu sei qui per restarci.

Ad essere onesti, al momento non realizzo davvero tutto quello che sta succedendo in questo momento. Come hai detto tu, il primo podio è stato un'emozione enorme e probabilmente un impatto più grande, ad essere onesti, ma ora che continua è difficile da capire. Sono così felice e grato per tutto. Sto solo godendo questo momento.

(ConwayMX)

Hai fatto dei cambiamenti che hanno portato a questa spinta in avanti? Nella pausa hai trovato qualcosa con la moto? Hai cambiato qualcosa per farlo?

No. Sulla moto non abbiamo cambiato nulla. Sono molto contento di quello che ho. Mi sento come se mentalmente avessi fatto un grande passo in avanti e ho lavorato su questo per un po'. Sembra che ho capito alcune cose ultimamente e sta dando i suoi frutti, quindi sono super felice.

Pensi che forse all'inizio della stagione stavi guidando un po' cauto, perché non volevi infortunarti? Non volevi metterti in quella situazione? Pensi che quel timore stia svanendo adesso?

Sicuramente, anche se non ci stavo pensando coscientemente. Quando passi attraverso questo tipo di lesioni, succede. Sei un po' rigido e spaventato. Non è bello per la fiducia, ma è parte dello sport e sono felice di aver superato tutto questo. In questo momento, sto tornando su un livello fiducioso.

Ora ti senti in una posizione in cui puoi vincere una di queste gare o ti senti come se avessi bisogno di fare un altro piccolo passo avanti per arrivare a quel punto?

Penso che sia stato vicino questo fine settimana. Tim [Gajser] è stato sicuramente un po' più veloce di noi, ma era un gap minore rispetto a quello che avevamo prima. Sembrava che Tony [Cairoli] e Tim fossero davvero ad un altro livello. Gli ultimi due GP penso che ci siamo avvicinati tutti però. Dalla mia parte, mi sentivo come se fossi abbastanza vicino. È più sui dettagli ora. Penso che possiamo farlo accadere.

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: ConwayMX

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!