Due Chiacchiere con: Jed Beaton

Beaton ci parla del suo miglior piazzamento stagionale

· 4 tempo di lettura

Acquista i Prodotti Alpinestars 2020 su 24MX!

Segui @MXVice su Instagram.

Jed Beaton è ritornato velocemente ad un essere un contendente al podio della MX2 dopo un periodo difficile in cui ha dovuto ristabilirsi dai numerosi infortuni. Il Gran Premio di Indonesia, che ha terminato al quinto posto, è stato un altro passo nella direzione giusta. Ce l’ha spiegato nell’esclusiva intervista di MX Vice da Palembang. Beaton ci parla del suo ritorno tra i primi dopo dodici mesi abbastanza turbolenti.

MX Vice: Un weekend solido per te. Penso che hai fatto un altro passo avanti. Avevi già fatto progressi in Germania e oggi hai continuato. Credo che sia ora di puntare al podio.

Jed Beaton: Sicuramente. Credo che le cose stiano cominciando a girare nel verso giusto e sono molto contento. Sono migliorato in partenza e tutto il pacchetto è molto buono in questo momento. Mi sono allenato duramente e sono arrivato a quello stato di forma che mi ero prefissato.  Era da un pezzo che non stavo così bene.

Nella seconda manche ho dimostrato che voglio davvero finire sul podio ma qui faceva davvero troppo caldo. Ho finito le energie e non ho potuto fare di più. Comunque ho ripreso a sentirmi bene in sella e guarda con fiducia alle prossime gare.

(Ray Archer)

Anche se hai finito le energie in gara due hai dimostrato che hai la giusta velocità e che sei forte anche dal punto di vista mentale. Quando hai queste sicurezze puoi provarci la settimana prossima, a Loket e in ogni occasione.

Sì, di sicuro. Essere forti di testa è molto importante. A dire la verità ho avuto un inizio di stagione abbastanza bello. Ho avuto pochi infortuni e solo piccole cose. Quando stai bene tutto è più semplice. Sto iniziando ad arrivare dove voglio essere e sono davvero contento di questo. Come hai detto tu è anche un click mentale sapere che posso farcela adesso.

È passato molto tempo da quando ki sentivo così bene. Nella mia testa so che posso fare dei buoni risultati. Posso migliorare ancora in partenza perché ho fatto scivolare troppo la gomma posteriore in entrambe le manche. Non so se la colpa era della griglia differente…non ne sono sicuro. Come hai detto prima ho la velocità ma sono andato in crisi fisicamente, ma è successo a tanti. Cosa posso farci? Faceva un caldo boia.

Non mi sorprende che tu sia andato in crisi. L'ultima volta che hai lottato tra i primi cinque è successo un anno e mezzo fa? In Germania andavi forte ma eri ancora troppo lontano dal gruppo di testa. L'intensità, la velocità e tutto il resto ti hanno scioccato in quel momento.

Si, al 100%. Probabilmente era successo l’anno scorso a Matterley Basin di trovarmi tra i primi ma ho finito per rompermi entrambe le gambe. Mi ci è voluto un sacco di tempo per riprendermi e per sentirmi di nuovo a mio agio in sella. È stato un infortunio molto grave. Sono rimasto seduto così a lungo sul divano senza poter fare nulla. Adesso guardo con fiducia alla seconda parte di stagione in cui spero di centrare dei buoni risultati. Spero davvero di finire sul podio un paio di volte prima che la stagione finisca.

(Ray Archer)

Sei al 100% a posto in questo momento? Scommetto che tu non lo sia stato per tutta la stagione ma almeno ci stai andando molto vicino?

Sicuramente ci sono molto vicino adesso. Ovviamente due settimana fa in Germania ed oggi mi sono mosso nella giusta direzione. Tutto sta andando in quella direzione. Io e il team siamo contenti. All’inizio era un po' frustrato per i miei risultati ma sapevo che dovevo stare calmo. Come ho detto è stato un grave infortunio. Non c’è molto di più che io possa fare oltre ad essere costante e provare a migliorare ogni fine settimana.

Ad essere onesto credo che questo weekend sia stato il migliore considerando il sabato e la domenica. Non ci sono state sessioni in cui ero lento o ho avuto problemi. Tanti spunti positivi su cui costruire i risultati della prossima gara.

Scommetto che quando aumenti la velocità ed il tuo passo sia come aprire una scatola di vermi con la moto. Non avevi mai guidato questa moto ed hai spinto davvero forte. Credo che tu abbia bisogno di apportare qualche piccolo cambiamento a sospensioni ed altro. Un’altra sfida per te.

Si, Certamente. Sono tutte sfide ma credo che sia una buona cosa che io e Thomas [Kjer Olsen] siamo molto simili, sia come fisico che come stile di guida. Sappaimo come settare le nostre moto anche se lui la pensa in maniera differente su alcuni punti. Abbiamo a nostra disposizione uno dei migliori tecnici delle sospensioni che sa cosa fare per accontentarci. In fondo è una combinazione di tutte queste cose che porta al risultato.

(Ray Archer)

Cosa ne pensi onestamente di questa pista?

Ad essere onesto devo dire che è stata molto meglio di quello che mi aspettavo. Guardandola dalla mia camera d’albergo sembrava molto piccola. Il tempo sul giro era basso ed in alcuni momenti mi girava la testa. Non ho idea se dipendesse dal fatto che abbiamo fatto tanti giri o per il caldo. Ma andava bene. Il terreno era buono a metà. Non posso lamentarmi. Sarebbe stato meglio se fosse stata più lunga.

Questo è satto sicuramente il tuo GP di casa. Questi ragazzi ti hanno trattato come se fossi stato uno di loro? Senbravate fratelli.  

Non direi. Non ho potuto parlare molto con loro. Sono tutti felici quando arrivi ma, come puoi vedere, sono più interessati alla mia ragazza e a fare foto con lei piuttosto che a noi. Direi che non è andata bene.

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: Ray Archer

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!