Discussione: Brian Bogers

Bogers risponde ad alcune domande

· 6 tempo di lettura

Acquista i Prodotti Alpinestars 2020 su 24MX!

Segui @MXVice su Instagram.

Brian Bogers ha vissuto un fine settimana positivo nell’undicesimo round del mondiale. È stata certamente una delle sue migliori gare di questa stagione ma crede che può ottenere ancora molto da qui a fine settembre. Dove vuole arrivare il pilota olandese? Bogers ce l’ha spiegato in questa esclusiva intervista di MX Vice, oltre a parlare di Palembang e di aver avuto a che fare con olti problemi.

MX Vice: Penso che hai vissuot un buon fine settimana. Probabilmente uno dei migliori quest’anno. Mantova rimane ancora migliore, ma credo sia adnata comunque bene o sbaglio.

Brian Bogers: Non è andata male ma non è ancora ciò che voglio. La seconda manche è andata molto bene e mi sentivo molto meglio rispetto alla prima. In gara uno non riuscivo a spingere come volevo perché dopo quindici minuti ero un po' stanco. Tutti ne abbiamo risentito con questo tempo. Non potevo fare di più così ho perso tempo e qualche posizione ed ho finito dodicesimo. Nella seconda fina dall’inizio sono stato più incisivo rispetto alla precedente. Dopo quidici o venti minuti sentivo che potevo essere più veloce ed ero felice di ciò. Tutto questo significa che mi sono ripreso bene tra le due manche. Sono felice della seconda gara, un po' meno della prima… queste cose non dovrebbero succedere.

(Ray Archer)

Immagino che non sarebbe una sorpresa se il caldo fosse stato la causa di quel calo. Quando è stata l’ultima volta che hai corso in queste condizioni? Sicuramente non l’anno scorso.

No, l’anno scorso non ho mai girato. Sono rimasto fuori per nove o dieci mesi e probabilmente ho pagato questa lunga assenza. Non voglio dargli la colpa di questo. Ho ripreso ad allenarmi da un periodo abbastanza lungo. Dovrei essere in forma ma in questa classe è sempre dura. Di solito con la 250 spingevo al massimo nei primi due giri poi riuscivo a trovare il mio spazio. Non è la stessa cosa in MXGP. Dal primo all’ultimo giro devi spalancare il gas.

Ovviamente, sai dove sei in termini di risultati in questo momento. Realisticamente, dove pensi di poter arrivare entro la fine della stagione? Hai in mente un obbiettivo o pensi "Sai cosa? Credo di poterlo fare?"

Penso di poter puntare alla top five. Però nella prima manche i primi cinque mi hanno doppiato. Non è una bella sensazione ed è il motivo per cui ho spinto di più nella seconda. Ma continuo a pensare che ci posso arrivare entro fine stagione. È il mio obbiettivo. Ha volte ho la velocità per farlo ma parto male ed ho altri problemi. In questo weekend sono stato contento delle mie partenze…tre volte nella top ten. Ci stiamo lavorando e sono felice che questo lavoro cominci a dare i suoi frutti. Ora tocca solo aspettare che tutto vada al meglio.

Ovviamente stai cercando di migliorare te stesso e sai dove puoi arrivare entro la fine dell’anno  Il fatto che hai bisogno di un contratto per il prossimo anno però non aiuta. Devi affrettare i tempi per dimostrare che meriti un posto in squadra. Tutto diventa più difficile.

È vero ma non voglio pensare troppo al fatto di essere in un altro team l’anno prossimo. Però è chiaro che sarà così. Mi impegnerò al massimo ma voglio divertirmi in moto. I risultati arriveranno di conseguenza.

(Ray Archer)

Hai avuto qualche problema a sviluppare la moto quest’anno? Chiaramente hai la possibilità di allenarti quanto vuoi ed è fantastico, ma è chiaro che non puoi sapere se funziona veramente fino a quando non arrivi sul campo di gara. Mentre stavi preparando quest'anno partecipando alle gare hai iniziato a notare piccole cose che devi aggiustare? Anche adesso, non sei ancora al cento per cento del tuo set-up?

Quando sono salito nella classe MXGP ho guidato per due settimane la mia Honda CRF450RW poi mi sono infortunato. Solo due settimane. Dopo un anno ho ripreso da capo. Arrivavo da una 250F e passavo da KTM a Honda. Un bel cambiamento. Ho perso molti test e tutto è andato avanti senza di me. Sto ancora facendo cambiamenti sulla mia moto e ne ho fatti durante l’inverno. ASbbiamo fatti molto test ma non abbiamo raggiunto i risultati sperati. Adesso abbiamo finalmente imboccato la strada giusta e sono felice di questo. È un po' vergognoso che non siamo stati pronti dalla prima gara.

Il secondo posto di Mantova è stata una grande soddisfazione per te in un modo strano però. Pensi che forse sia stata la cosa peggiore che ti potesse accadere? Ci sei riuscito ma poi sembrava come se pensassi, "Guarda, posso farlo! Posso farlo!" Poi nella gara successiva che hai finito dodicesimo ti è sembrato un po' più difficile. Sai cosa intendo?

Si capisco il tuo ragionamento. Era una gara nel fango, una condizione in cui sono sempre stato veloce. Credo che il fango mi abbia aiutato molto ma ho finito secondo e non me lo aspettavo. Volevo fare bene a Mantova perché pioveva, ma arrivare secondo…credo che nessuno se lo aspettasse. Ero felicissimo. La gara dopo però viaggiavo ancora intorno al quindicesimo posto. Non lo volevo proprio. Ho fatto del mio meglio ma a volte le cose non funzionano. Succede, un po' come oggi che ho finito ottavo. Se finisci nella top ten in MXGP significa che stai facendo bene, soprattutto se hai perso tutto l’anno scorso. Spero che le altre persona se ne siano accorte.

(Ray Archer)

Come hai detto, pensi di poter puntare alla top five entro fine anno, o almeno credi di poterlo fare. Però sei felice in questo momento? Accetti i tuoi risultati e sei soddisfatto di ciò che stai facendo? O esci dalla pista arrabbiato ogni volta?

È un misto di entrambe le sensazioni. Una cosa di cui sono felice è che posso farlo però voglio anche fare meglio. Voglio sempre fare meglio. Penso che anche Tim Gajser, quando vince, vuole fare meglio. Vuole essere migliore di ieri. Questo è ciò che voglio anch’io. Sto lavorando duramente per questo. Di sicuro i risultati del duro lavoro daranno i loro frutti a fine anno.

Cambiando argomento, la pista qui era completamente nuova. Un po' strana, cosa ne pensi onestamente?

Penso che fosse una pista carina ma il giro era davvero troppo corto. Facevamo un giro in 1:30 e nelle amnche percorrevamo davvero molti giri. Faceva caldissimo ma era così per tutti. Ho letto molti commenti sui social: dicevano che la pista non piaceva a nessuno e che è una vergogna per la MXGP. Io credo che sia molto bello essere in un paese così lontano da casa e fare due gare consecutive in due weekend. Nessuno sapeva che la pista non era quella. Alla pista originaria era successo qualcosa ma nessuno sapeva esattamente cosa. Sono felice di arrivare fino a qui perché è un campionato mondiale. Se rimani solo in Europa non può essere considerato un mondiale. Credo che queste trasferte facciano parte del gioco.

(Ray Archer)

Ho una statistica da farti vedere. Non l'ho ancora mostrata a nessun pilota, ma tu mi dici che la pista è corta. Hai fatto molti giri. Gara di qualificazione di ieri. Ti senti come se avessi fatto molti giri? Ti sono sembrati un sacco?

Attualmente si. Penso che di solito facciamo dai dodici ai quattordici. Credo che ieri ne avremmo fatti circa diciassette, quindi è sembrata piuttosto lunga. Poi, siccome hai fatto una qualifica così, ti sei abituato a fare molti giri ed oggi non ti è sembrato strano. Ad ogni modo, sono dieci minuti in più. Abbiamo fatto molti giri ed è abbastanza difficile rimanere concentrati. Penso che negli Stati Uniti i giri durano circa due minuti, a volte anche di più, mentre qui siamo a 1:30 al giro. È una bella differenza.

Se ti dicessi che in Russia nella qualifica avete fatto più giri che qui. Saresti scioccato da questa notizia?

Ma è vero?

Quando ho controllato questa notte ero abbastanza sicuro di ciò che ho detto.

Non me l’aspettavo ed è molto strano. Anche in Russia le velocità erano molto alte. Nel punto dove è caduto Clement Desalle abbiamo raggiunto i novantadue. Pazzesco. Se cadi in quel punto può succedere di tutto. Il livello è molto alto e le velocità aumentano ogni anno. Credo che sia questa la ragione per cui molti piloti si sono infortunati.

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: Ray Archer

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!