Dietro le quinte: Glen Coldenhoff

Intervista con il vincitore del Gran Premio d'Italia

· 5 tempo di lettura

Acquista la collezione 2020 di Alpinestars su 24MX!

Segui @MXVice su Instagram.

Dopo la fenomenale prestazione di Glenn Coldenhoff al Motocross delle Nazioni un anno fa, molti si aspettano che ora vinca delle gare. La doppietta del Gran Premio in Italia durante il fine settimana è stata uno shock per molti, dato che prima era salito sul podio solo due volte. Coldenhoff ha riflettuto sulla sua memorabile giornata, così come su alcuni altri argomenti importanti, in questa esclusiva intervista a MX Vice dalla struttura di corse su strada di Imola.

MX Vice: Non c'è molto da dire. Un 1-1 dominante. Sembrava che qualcuno ti potesse raggiungere ogni volta, ma non lo hanno fatto. L'hai fatta tua in entrambe le moto. Un fine settimana perfetto e il tuo primo risultato simile in MXGP, perché in Lettonia nel 2015 non è stato così perfetto. È fantastico.

Glenn Coldenhoff: di sicuro è stato un weekend fantastico. Mi sono sentito bene ieri e sapevo di avere la velocità. Sentivo se potevo vincere, perché Tim [Gajser] stava correndo per il campionato e ha fatto alcuni piccoli errori. Mi sentivo bene là fuori oggi. Ho avuto partenze migliori oggi rispetto a ieri. Cosa posso dire? È stato fantastico. L'ultima volta che ho fatto 1-1 è stato al Nazioni. Penso che oggi sia stata una performance simile. Lì abbiamo avuto un gap maggiore rispetto al terzo, ma sento come se l'MXGP sia più competitiva in questi giorni. Ci mancano i tre migliori ragazzi, ovviamente, ma comunque è una corsa. Mi sento come se avessi fatto molta strada. È davvero bello essere di nuovo qui.

(Ray Archer)

Verso la fine di ogni manche, è stato abbastanza difficile rimanere concentrato? Stavi pensando: "Oh, merda! In realtà lo farò. Non fare casini?"

Si. In realtà, nella prima manche ero un po' innervosito. Stavo guardando due dei ragazzi dietro di me e potevo controllarli ma alla fine della prima manche ero un po' stanco. Poi ho fatto alcuni errori e ho visto [Jeremy] Seewer avvicinarsi. Alla fine ce l'ho fatta fino alla fine. Penso che la seconda manche fosse decisamente migliore. Ho spinto molto forte all'inizio e ho preso un vantaggio consistente. Ad ogni giro l'ho aumentato un po'. Da un certo punto ho potuto controllare e portarla a casa.

Sembrava perfetto, ma ci sono stati momenti rischiosi che forse non abbiamo visto? Qualche punto in cui ti sentivi come se stessi per finire un po' sul cemento?

No, nella seconda manche, no. Nella prima manche, ne ho fatto alcuni [errori]. Ho avuto le gambe molli e quindi sicuramente alcuni momenti in cui c'è stato un richiamo, diciamo. La seconda manche in realtà è stata senza errori. È stata sicuramente una buona manche.

(Ray Archer)

Tu sei olandese, siete particolarmente bravi nella sabbia. Sei bravo anche sul duro, ma questo… Se sto pensando a una pista per Glenn Coldenhoff, sicuramente non sceglierei questo posto. Cosa è scattato?

Non lo so. Inoltre non mi piace molto questa pista e normalmente non mi piace nemmeno il terreno, la terra. Oggi è stato più facile del previsto, ovviamente. Non so cosa sia successo, ma mi sentivo bene. Abbiamo apportato alcune modifiche alla moto, ovviamente, alcune piccole modifiche prima di Lommel che mi hanno reso bravo e felice sulla sabbia, ma credo anche che abbia lavorando anche sul duro.

Hai detto che non ti è piaciuta questa pista. Che dire rispetto all'anno scorso? Hanno ovviamente apportato alcune modifiche. Credo che abbiano provato a rallentare la pista, ma non ha funzionato molto.

Sì, penso che quest'anno sia stata un po' meglio. Era più accidentata con più linee e canali. Dovevi cercare delle buone linee. Mi sentivo come se avessi alcune buone linee là fuori ed era semplicemente liscio. Era decisamente tecnico, ma è così che piace.

(Ray Archer)

A questo punto tutti parlano del prossimo anno. Immagino che tu sia assolutamente entusiasta di avere un accordo di due anni. È la cosa migliore di sempre in questo momento.

Sì, è irreale. È abbastanza triste vedere tutti quei ragazzi che lottano per trovare un posto. Sicuramente non ci sono abbastanza posti per tutti i piloti. Ad esempio, Max [Anstie]… È sicuramente un momento difficile per lui, soprattutto ora con il suo infortunio. Spero che guarisca presto lui ma anche l'altro mio compagno di squadra. È sicuramente difficile e, come hai detto, posso essere felice di aver firmato per due anni e ora i risultati stanno arrivando.

Mi sento meglio in moto. Anche per me è un buon richiamo alla fiducia. Possiamo ancora lavorare con la moto, ma al momento ho la sensazione di avere una base solida. Per il prossimo anno avere la stessa moto, le stesse sospensioni, gli stessi ragazzi e tutto ciò mi aiuterà sicuramente. Mi sento come se fossi in un buon posto in questo momento.

(Ray Archer)

È un po' tardi per porre questa domanda, ma sono arrivato qui dal camion ufficiale… C'erano dei limiti che sentivi di avere? Ovviamente, questo non è un team ufficiale. C'è un supporto straordinario, ma è stato un po' difficile abituarsi in qualche modo? Forse non hai la stessa libertà?

No. Ho tutta la libertà che desidero. Ho guidato per questi ragazzi nel 2013 ed ero davvero felice quell'anno. E' lo stesso quest'anno. Il team ha svolto un lavoro straordinario. Lavorano così duramente. Rispetto a un team ufficiale in cui hai molti più ragazzi, questo è un gruppo più ristretto di persone che hanno bisogno di fare lo stesso lavoro. Ciò significa che si stanno facendo il culo. Se ottieni un buon risultato come oggi, se fai un 1-1 allora è una grande ricompensa per tutti i ragazzi qui.

Che cosa stiamo facendo con la squadra olandese del Nazioni? Sei dentro e [Jeffrey] Herlings è dentro. Lo sappiamo. Non siamo stupidi. Possiamo indovinarlo. Cosa sta succedendo con il posto in MX2?

Cosa pensi?

Ho appena parlato con Calvin [Vlaanderen]…

Chi dobbiamo prendere?

(Ray Archer)

Sento che dobbiamo sapere cosa ne pensi.

Martedì abbiamo una conferenza stampa e poi spiegheremo qual è il piano per il Nazioni. Vedrai lì.

Suppongo che alla fine della giornata, fintanto che fai quello che sai di poter fare, e Jeffrey fa lo stesso, non è come se il ragazzo della MX2 avesse la possibilità di creare o distruggere questa squadra.

Non sono sicuro. Per me e Jeffrey, è lo stesso dell'anno scorso. I ragazzi della MXGP, devono farlo accadere. Abbiamo solo bisogno di un risultato nella classe MX2. Sento che abbiamo un sacco di buoni piloti sulla sabbia. [Roan] Van De Moosdijk sta andando bene. Sembra che vincerà il titolo la prossima settimana. Ovviamente deve ancora essere fatto in Svezia. Va bene sulla sabbia. Calvin è molto bravo al momento. A Lommel ha ottenuto un podio, un secondo posto, quindi penso che siamo in una buona posizione.

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: Ray Archer

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!