Discussione: Adam Sterry

L'inglese ci parla della sua prima esperienza al Nazioni

· 6 tempo di lettura

Acquista i prodotti Alpinestars Monster MX!

Segui @MXVice su Instagram.

Adam Sterry c’era rimasto molto male quando il Team Great Britain per il Motocross delle Nazioni 2019 era stato annunciato e lui non era tra i nominati. Chi avrebbe mai pensato in quel momento che un mese dopo sarebbe salito sul podio al TT Circuit di Assen? Sterry alla fine è stato chiamato e ha fatto la sua parte in gara: la sua seconda manche è stata assolutamente determinante per il raggiungimento del terzo posto nella classifica per nazioni. Sterry ha parlato della prima esperienza al Nazioni in questa esclusiva intervista per MX Vice.

MX Vice: Sei arrivato qui con un obbiettivo: Portare la squadra sul podio e ci sei riuscito nonostante dopo la prima manche non sembrava fattibile. Credo che come team le prime manche siano state le peggiori ma sei riuscito a venire fuori nel finale. Immagino che tu sia entusiasta.

Adam Sterry: Certamente. Come hai detto, in quel momento ero senza parole. Che modo di finire la mia carriera in MX2. Nel primo giro della prima manche sono stato buttato giù da [Gautier] Paulin poi sono caduto ancora e ci sono voluti anni per far partire la moto. Anche Nathan [Watson] non era messo bene, quindi sapevo che avevamo ottenuto entrambi due risultati negativi. Guardando I risultati di tutti gli avversari dopo la prima manche non era andata proprio male, ma ovviamente non eravamo nella situazione ideale.

(ConwayMX)

Pensavo che era andato tutto storto ma per fortuna io e Shaun [Simpson] abbiamo ottenuto grandi risultati nella seconda gara. Shaun e Nathan poi sono stati fantastici nella manche finale. Dobbiamo complimentarci con loro. Prima di farmi altre domande tecniche però vorrei solo ringraziare tutto il team F&H per questi ultimi due anni. Hanno fatto davvero l’impossibile per me in questa gara. Grazie anche a Mark [Chamberlain] per l'opportunità che mi ha dato. Grazie anche a Shaun e Nathan, perché hanno fatto un ottimo lavoro oggi. Non avrei potuto fare tutto questo senza di loro.

Dopo la prima manche eravate piuttosto stressati? C’era molta pressione su di te perché non potevi permetterti di sbagliare.

Esattamente. Sapevo che avremmo dovuto scartare il risultato di Nathan e questo significava che il mio ventitreesimo posto o peggio avrebbe contato. Da quel momento in poi dovevamo solo fare buone gare, e ci siamo riusciti. Non sono mai stato così teso in vita mia come quando guardavo la terza gara. Ero più nervoso a guardare quella gara rispetto a come mi sentivo prima della mia, Eravamo secondi e poi siamo passati al terzo posto. Poi la Francia si avvicinava. Stavano arrivando e ci hanno superato.

In quel momento mi sono sentito molto abbattuto perché ero già arrivato quarto tre volte quest'anno. Ho pensato "No dai, questa volta no." Fortunatamente è andata bene ed ero felice quando ho visto Paulin lasciare la sua moto a bordo pista. Ero nello Sky Box e tutti mi sono saltati addosso trascinandomi e saltando su e giù. A quel punto le emozioni hanno preso il sopravvento ed ha iniziato a piangere.

(ConwayMX)

Adesso ho capito. Il karma ha provocato la rottura della moto di Paulin perché ti ha buttato giù nella prima manche.

È esattamente quello che stavo pensando durante la conferenza stampa post gara. Non credo nel karma ma è andata così. Siamo sul podio ed ho vissuto la migliore giornata della mia carriera. 

Mi sembra che la tua seconda manche sia stata migliore di quanto la gente potesse pensare. Hai chiuso dodicesimo ma non sei rimasto lì per tutta la gara. Hai dovuto rimontare per arrivarci.

Esattamente. Sono partito dall’esterno nella seconda manche. Non è l'ideale contro i 450. Jago [Geerts] ha dichiarato in conferenza stampa che le condizioni del terreno hanno avvicinato le prestazioni di 450 e 250, ma io non sono assolutamente d'accordo. Credo abbiano peggiorato le cose. Ho visto piloti che mi sorpassavano di cui non avevo mai sentito parlare in vita mia e pensavo: "Saranno sicuramente doppiati". Ma era solo perché con la potenza del 450 riuscivano ad uscire velocissimi dalle curve facendo una grande differenza. È stato difficile…molto difficile. Mi piace il fango. Nel 2016 a fine gara ero sfinito, oggi è andata sicuramente meglio.

Perché ti sei schierato all’esterno nella seconda manche? Non ho capito quella decisione.

Dopo la prima manche avevamo bisogno di un buon risultato così Shaun è si è schierato all’interno per fare una buona partenza e ci è riuscito. Fortunatamente anche dall'esterno non sono partito male. Ho spinto fino in fondo. Nessun errore e anche io ho centrato un ottimo piazzamento.

(ConwayMX)

Quanto era felice il falso manager del Team GB, Marc de Reuver? Quanto era felice e quanto supporto ti ha dato in questo fine settimana?

Dopo la qualifica e la prima manche non era molto contento. Te lo posso dire. Ovviamente tifava per l'Olanda sperava che vincesse, ma intanto aiutava me e il Team GB. È stato con noi tutta la settimana. Io e Marc abbiamo lavorato insieme per un anno e mezzo. Devo ringraziare anche lui. Ha fatto uno sforzo tremendo nell'ultimo anno e mezzo. Ha fatto un ottimo lavoro. Ha davvero aiutato Nathan nelle partenze questa settimana. Nathan partiva da un cancello da tanto tempo e Marc lo ha davvero aiutato.

Abbiamo provato così tante partenza questa settimana. Abbiamo puntato al podio e l’abbiamo ottenuto. Voglio anche dire grazie a tutti quelli che ci hanno aiutato. Tutti i miei sponsor. Rich [Mike Jones]. Sta per fare altro ma è stato una parte importante della mia carriera da quando avevo sei anni. Grazie di cuore a lui. Marc è stato il mio allenatore nell'ultimo anno e mezzo, ma Rich è sempre stato lì dietro le quinte a supportarmi. È stata una gara emozionante. Questa è sicuramente la giornata migliore della mia carriera.

Questa cosa del Motocross delle Nazioni era ciò che volevi che fosse e ti aspettavi che fosse? I fan erano pazzi come pensavi che sarebbero stati? Eri eccitato? Era come te lo eri immaginato nella tua mente?

Decisamente. Anzi è ancora più folle di quanto mi aspettassi. Sapevo che ci sarebbero stati molti inglesi perché è abbastanza vicino al Regno Unito. A tutti piace viaggiare e la gara è una scusa per farsi una vacanza. Il supporto che mi hanno dato per tutto il weekend è stato incredibile. È molto più di quello che mi aspettavo. Come ha detto Shaun per finire sul podio dopo la gara eravamo tutti come dei bambini piccoli. Ci abbracciavamo e piangevamo.

(ConwayMX)

Questo perché anche Shaun ha partecipato alter volte ma è stata la prima volta che sale sul podio. Non lo sapevo. L’avevo appena scoperto. Era emozionante. Pensare che Nathan lo scorso fine settimana ha corso nell’enduro a Hawkstone arrampicandosi sulle colline ed evitando gli alberi. Questo dimostra che è un pilota incredibile. Penso che oggi sia stato più simile a una gara di enduro. Ha fatto un lavoro fantastico e ha dimostrato che è un grande pilota.

Non possiamo dire molto, ma le cose sembrano andare nnel verso giusto per l'anno prossimo. In Svezia abbiamo parlato della probabile nascita del team AS811, ma sembra che non ce ne sarà bisogno.

No. Non c’è ancora il nero su bianco e nel motocross non si può mai dire. Spero che non si arrivi a quello. Spero che nelle prossime due settimane si possa avere qualche notizia su quello che sta accadendo. Adesso mi scioglierò i capelli, prenderò una doppia vodka e Coca-Cola e poi vedremo dove ci porta la notte.

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: ConwayMX

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!