Conversazione: Ben Watson

Ben Watson parla con noi del suo debutto stagionale a Riola

· 3 tempo di lettura

Iscriviti al canale YouTube di MX Vice.

Segui @MXVice su Instagram.

Molti dimenticano che Ben Watson della Monster Energy Yamaha Factory MX2 non ha nemmeno finito la stagione precedente, poiché è stato escluso a causa della sua seconda frattura della stagione. Ciò rende ancora più impressionante il suo ritorno alle corse nel round di apertura degli Internazionali d'Italia EICMA Series 2020. Watson ha spinto il suo compagno di squadra fino in fondo in entrambe le gare, ha mostrato una buona velocità e ha ricordato a molte persone di cosa è veramente capace. Il corrispondente di MX Vice, Lorenzo Resta, lo ha raggiunto domenica sera.

MX Vice: È stata una giornata positiva. Secondo nella prima manche della MX2 – meno di un secondo dietro [Jago] Geerts – e poi anche il secondo pilota della MX2 nella Super Campione. Non è un brutto inizio.

Ben Watson: Si, sicuramente una giornata positiva. Ad essere sincero, sono venuto qui ed è solo una internazionale pre-stagionale. Voglio solo tornare al ritmo delle gare, perché ovviamente – con il mio polso rotto – ho perso alcune gare alla fine della stagione. È passato molto tempo da quando sono stato dietro il cancello o così mi sembra comunque. Ci siamo allenati in Sardegna per un mese. Mi sento davvero bene, in realtà. Sono venuto qui, ho avuto due buone partenze e due gare solide. Sono arrivato secondo nella manche della MX2. Ho seguito Jago per tutta la gara.

(Yamaha Racing)

Mi sono semplicemente messo dietro di lui abbastanza facilmente, ma è stato davvero difficile per me perché stava guidando ovviamente molto velocemente, e creare un'opportunità per passare non è stato facile. Nella seconda gara avevamo i ragazzi della 450 con noi. Alcuni di loro ti superano e disturbano un po' il tuo ritmo, poi io e Jago facevamo un po' elastico. Ho provato a passarlo di nuovo nell'ultima curva dell'ultimo giro, ma non ce l'ho fatta. Penso di essere stato secondo in MX2 in entrambe le gare. Sono felice. È stato un inizio solido.

Sembra che Jago potrebbe essere uno dei contendenti al titolo, insieme a te?

Decisamente. Jago l'anno scorso è arrivato terzo in campionato, e io ho concluso quarto in campionato l'anno prima. Entrambi abbiamo avuto un po' di esperienza nella parte anteriore. Sento che entrambi abbiamo avuto un inverno solido. A dire il vero, non ho fatto molto allenamento di guida o allenamento con lui. Siamo venuti qui e ovviamente è al passo. Adesso mi sento bene. Non vedo davvero l'ora di correre davvero. Ora siamo solo a queste gare pre-stagionali. Tutti sono appena tornati a fare le loro cose, quindi vedremo come sono davvero tutti al primo GP.

Intendi a casa in Inghilterra?

Sì, a casa in Inghilterra. È la prima volta che è la prima gara, il che è un po' strano. Potrebbe essere un po' rischioso, forse, con un po' di pioggia. Potrebbe essere davvero buono. Se durante il fine settimana non piove, la pista sarà perfetta. Spero che diventi davvero tecnico. Sarà un buon fine settimana – è il mio GP di casa!

(Yamaha Racing)

È davvero bello rivederti con un bel sorriso – un grande sorriso – e rilassato. La sfortuna dell'anno scorso sembra davvero essere andata via.

Sì, sicuramente. L'anno scorso mi ha fatto imparare molto. Ad essere sincero, sono stato fermo dopo l'infortunio al polso alla fine della stagione e mi sono preso un po' di tempo. Sono andato in Australia in vacanza. Mi sono dimenticato dello sport per un po' e mi sono ritrovato di nuovo in quel genere di cose. Ho appena iniziato a divertirmi. Poi sono tornato in Belgio e stavo solo guidando con una mentalità diversa. Mi stavo divertendo molto di più. Ho solo smesso di stressarmi molto. Se mi mancava un giorno di allenamento, lasciavo sempre che influisse un po' sulla mia mente. Ora sono molto più rilassato. Vengo alle gare con una mentalità diversa – vengo a godermi le corse e dimentico tutto il resto.

Cosa ne pensi di quel tipo di giornalisti inglesi che preferiscono andare negli Stati Uniti dopo il supercross invece di essere qui a seguire i piloti britannici che stanno facendo delle ottime gare [risate]?

Penso che il suo nome sia Lewis o qualcosa del genere [ride]. Apparentemente è un mio grande fan, ma non lo vedo qui. È in vacanza, penso. [Nota ed: non approvo questo messaggio.]

Intervista: Lorenzo Resta | Immagine Principale: Yamaha Racing

Utilizziamo i cookies! Navigando su questo sito, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
Fantasy MX Manager
Play & Win Prizes!